Riconoscere la dipendenza e idee per disintossicarsi dai social

Senti che è arrivato il momento di disintossicarsi dai social, e hai letto che fanno male alla salute mentale? Lo affermano diversi studi, e ci raccontano che Instagram è la piattaforma che rattrista di più gli adolescenti. C’è una correlazione tra il ricevere un “mi  piace” e il rilascio di dopamina da parte del cervello. In più, anche se dice di fidarsi poco, più della metà degli italiani usa i social per informarsi e trascorre tantissimo tempo online. Su Facebook ci sono parenti e amici, su Instagram anche le celebrità e persino i politici, siamo animali curiosi e come esseri umani abbiamo la tendenza a sviluppare facilmente dipendenze.

Uomo-annoiato-al-computer-portatile

Photo by Jamie Street on Unsplash

 

I sintomi della dipendenza da social

Come capire se il nostro rapporto con i social non è più equilibrato? Accorgersi di avere il telefono sempre (o quasi) in mano è facile, ma è quando ti sembra che il feed di Facebook e Instagram sia assolutamente immobile, e sono passati appena tre minuti, che davvero ti accorgi che qualcosa non va.

Nervosismo, disinteresse per ciò che ci circonda, continuo rimuginare sui contenuti da pubblicare e il controllo ripetuto delle notifiche, ansia crescente quando la batteria del telefono si scarica sono i segnali più comuni della dipendenza. Quando la situazione ci sfugge di mano è bene adottare piccoli cambiamenti che ci permettano di disintossicarci dai social media. 

Smartphone-due-notifiche

Photo by Max van den Oetelaar on Unsplash

 

Le soluzioni drastiche non sono per chiunque

Tutte e tutti conosciamo almeno una o un eremita dei social: non li usa, forse non li ha mai usati, e a volte vorremmo fare anche noi così. Se però lavoriamo almeno in parte online non possiamo permettercelo. Si può fare molto per ritrovare l’equilibrio interiore, e ridurre il tempo passato in preda all’ansia di avere perso qualcosa di importante mentre eravamo offline.

telefono-analogico-macchina-da-scrivere

Photo by Klaas on Unsplash

Disattiva le notifiche e usa le app di blocco

È un approccio vincente: disattiva le notifiche! Tieni solo quelle davvero importanti, come gli alert di Messenger se è il sistema con cui gestisci l’assistenza clienti o la prenotazione dei tavoli del tuo ristorante. Almeno quando sei al lavoro, i tuoi account personali possono prendersi una pausa.

Tendi a distrarti in ufficio? Molti smartphone hanno la possibilità di limitare il tempo di attività delle app, se il tuo non la offre, scarica app come Forest, che bloccano il telefono per quanto vuoi. Forest ti aiuta a vincere la dipendenza mentre coltivi una foresta virtuale, perchè ogni volta che sblocchi lo schermo azzeri la crescita degli alberi. L’abbiamo provato, e funziona.

Tre cerchi gialli su sfondo verde. Dentro il primo un germoglio, nel primo un albero, nel terzo un albero secco

Coltiva un hobby manuale

Che non sia impegnativo, ma ti permetta di staccare. C’è chi preferisce attività che non stimolano l’iperattività del cervello, come colorare, dipingere, o imparare l’arte della calligrafia. Cucinare è un toccasana, c’è chi si rilassa con i puzzle. Cruciverba e parole crociate possono essere un altro modo per distrarsi e svuotare la mente.

Fai una passeggiata al parco

O in riva al mare, ma non scattare foto con telefono.  Se proprio devi portarlo con te, tienilo in tasca, con la suoneria al massimo, così da avere la certezza di sentirlo e non ingannarti con false notifiche. Una mezz’ora di camminata la mattina sarebbe l’ideale, ma puoi farla anche in pausa pranzo o dopo il lavoro.

Ritrova il rapporto con la natura intorno a te, la scienza ha dimostrato che vivere a contatto con la natura ha effetti positivi su di noi. C’è chi, appena può, affronta lunghe camminate nei boschi o addirittura macina chilometri durante viaggi che attraversano interi stati. Un’esperienza che cambia radicalmente l’approccio alla tecnologia.

Meditazione, lettura, chiacchierate

Molte persone che hanno mostrato per anni resistenze a provare pratiche come la meditazione e lo yoga, messe alle strette dallo stress della vita iperconnessa, si sono dovute ricredere. La meditazione può essere utilissima per staccare dai ritmi frenetici, dai doveri e da ogni tipo di ansia. La lettura, specialmente se su carta, è un altro metodo per ritrovare i propri pensieri. Va bene qualsiasi cosa che non sia impegnativa: niente manuali, la narrativa è l’opzione più coinvolgente e rilassante.

Primo piano su libro, vediamo i capelli e una mano della persona che lo legge

Photo by Debbie Tea on Unsplash

Puoi usare il telefono solo per telefonare a chi non senti da un po’. Oppure, passa del tempo con chi ami, davanti a un piatto che ti piace, a un gioco da tavolo. Non dimentichiamoci mai che sono gli altri esseri umani e gli affetti a darci la carica.

 

Crea spazio per te

Crea un rituale, delle abitudini che non prevedano il telefono e disintossicarsi dai social sarà un processo naturale. Ogni persona ha la sua routine quotidiana, come sarà la tua ora che sai come creare dello spazio solo per te?

Sarai capace di lavorare serenamente, senza la frenesia che a volte la vita online porta con sé.

Scritta-neon-and-breathe-su-fogliame-verde

Photo by Max van den Oetelaar on Unsplash

 

Share Button